5.1.17

Il vero costo (della moda)





Ieri sera ho visto un film documentario sconvolgente. The true cost di Andrew Morgan racconta il vero costo dell’industria della moda globale, facendo parlare le persone nascoste dietro al prezzo.
Povertà, sofferenze inaudite, malattie e distruzione ambientale nascoste dietro la maglietta o il paio di jeans.
Cercatelo, non possiamo non sapere.
http://m.huffpost.com/it/entry/7484658

L'economista Morgan nel film dice “La verità è che come consumatori abbiamo molto più potere di quanto crediamo. Ogni volta che compriamo qualcosa votiamo nel linguaggio universale più conosciuto che esista: il denaro. In un certo senso acquistare un prodotto significa offrire il proprio sostegno a qualcosa che è stato messo sul mercato.”
Forse è già davverio tardi  ma guardare e ascoltare le testimonianze delle persone che per un nostro piccolo sfizio sputano sangue ci può dare uno stop: fermiamoci, pensiamoci, pensiamo a cosa possiamo cambiare nelle nostre abitudini che diamo come acquisite e innocenti e che invece sono bagnate del sangue di altri esseri umani...
La ragazza pakistana nel finale dice proprio questo " Non voglio che qualcuno indossi cose fatte con il mio sangue". 
E io sto guardando il mio armadio inorridita. Poi lo so che l'emozione passa, che l'orrore noi lo possiamo rimuovere, ma loro no, loro lo vivono, e me lo voglio ricordare ogni volta che guardo una vetrina, prima di scegliere.
Qui il film sottotitolato 
http://www.cb01.pw/the-true-cost-sub-ita-hd-2015/

3.1.17

Parigi Capodanno


Siamo tornati dopo due anni a Parigi per qualche giorno. L'abbiamo trovata diversa, molto...L'allarme antiterrorismo l'ha resa una città piena di polizia e di controlli. In un giorno può capitare di vedersi controllare lo zainetto anche 20 volte se si gira per negozi, mostre e musei. 
Quello che abbiamo trovato più sconcertante è però il numero altissimo di persone costrette a dormire sui marciapiedi, tra le vetrine di lusso o sui tombini dai quali esce un po' di aria calda. Intere famiglie, con tanti bambini piccoli. Tra due vetrine delle Gallerie La Fayette c'erano padre, madre e due bambini. Tutti intorno a loro decine di genitori con bimbi estasiati davanti alle vetrine animate e luccicanti. Cosa insegniamo a vedere ai bambini?? Perchè una città come Parigi non è in grado di gestire in modo più civile la situazione?
Tra le macchine parcheggiate sui viali si stendono file di tendine canadesi, i rifugi dei più fortunati...
Volevo scrivere qualcosa su ciò che ho visto a Parigi, oltre ai musei e alle mostre, oltre alla tanta polizia e ai tanti controlli, qualcosa che mi ha colpito come un pugno allo stomaco e che non mi aspettavo.
Ho cercato e ho trovato chi lo ha già scritto, sicuramente meglio di me.
Per il resto Parigi è bella, sempre bella, con tante cose interessanti che ancora non avevamo visto e altre riviste molto volentieri: Il museo di arti forensi, molte sale del Louvre, il museo delle arti decorative e quello delle arti orientali, il museo meraviglioso di scienze naturali e le serre tropicali... 
I meno belli: il museo De La Croix (piccolo e con poche opere) e La città della scienza e della tecnica.



19.12.16

Diorami!





I diorami sono rappresentazioni tridimensionali e ridotte di ambienti.
Ho raccolto su Pinterest alcune bellissime idee realizzate da bambini di tutto il mondo.
Le abbiamo guardate insieme in classe.


COMPITO:

FASE 1: scegliete a gruppi di 2-3 bambini un ambiente,  osservate gli esempi in rete (il link è stato messo sul blog della classe), elencate il materiale che pensate vi sarà utile e procuratelo per la settimana successiva. 
Tutti i diorami saranno esposti e potranno essere visti dai bambini delle altre classi che potranno votarli


FASE 2: trovate notizie sull’ambiente scelto, sulla sua flora e la sua fauna e preparatevi a esporre le vostre scoperte ai compagni, anche delle altre classi quarte.

Quante discipline si sono unite? Scienze, geografia, arte e immagine, tecnologia...E altre si uniranno:-)

14.12.16

Provando si impara



In geografia, con particolare riguardo alla cartografia, la curva di livello è quella curva che unisce punti con uguale quota, ovvero uguale distanza verticale dal piano di riferimento al quale è stato attribuito quota zero; se sono sopra il livello del mare si chiameranno isoipse (dal greco ísos = "uguale" e hýpsos = "altezza") mentre al contrario isobate (dal greco ísos = "uguale" e báthos = "profondità").
Esse vengono adottate per rappresentare l'altimetria in una superficie piana, com'è quella di un foglio. L'uso delle isoipse è uno dei metodi usati in cartografia per rappresentare le tre dimensioni su un foglio bidimensionale, consentendo di farsi un'idea della morfologia del territorio.
In classe abbiamo visto questo video e abbiao voluto provarci anche noi.
Abbiamo costruito un piccolo plastico in cartaesta, lo abbiamo inserito in una vaschetta trasparente e abbiamo seguito tutte le fasi presentate nel video.


IN QUESTE FOTOGRAFIE TUTTE LE FASI DEL NOSTRO LAVORO





12.12.16

Il bellissimo presepe della scuola Ciari

Questo è il bellissimo allestito dal custode della nostra scuola, La Ciari di Grugliasco (To). 

Ci sono tantissimi personaggi e oggetti che si muovono, si passa dal giorno alla notte, c'è addirittura il fumo che simula le nuvole...Bravissimo!!

 


4.11.16

Il libro della giungla



C'è qualcuno che non ha ancora visto la nuova versione del Libro della Giungla? 

Non perdetevelo, è di una bellezza commovente. E sappiamo quanto bisogno di bellezza abbiamo...
E' tragicamente ridicolo che l'uomo distrugga tutto per pigrizia, incuria, interessi economici, politici e ignoranza ma sappia creare con la fantasia cose così belle e poetiche e immaginare una tale armonia tra tutti gli esseri viventi...
Tornate a sognare per poco più di un'ora, tornate bambini.

7.10.16

A nuova vita




Che bellezza arrivare in una nuova scuola e trovare dei laboratori piuttosto malconci e inutilizzati da rimettere in sesto! Cercare strumenti e materiali, chiedere in giro donazioni, pulire, abbellire...
In questi due anni mi sono divertita molto e direi che sono piuttosto orgogliosa dei risultati.

QUI FOTO DEL LABORATORIO SCIENTIFICO

QUI FOTO DEL LABORATORIO MATEMATICO

Blog di classe


Ogni anno il nostro blog di classe cambia nome, mentre NOI cresciamo...

Anche quest'anno avremo tante avventure e esperienze da raccontare, e abbiamo già iniziato!

http://ciaridiluna.blogspot.it/

6.10.16

Video scientifici per la scuola primaria


Oltre ai link che ho raccolto nella pagina del blog scienzeingioco ho iniziato una nuova raccolta di video adatti ai bambini e ai ragazzini di scuola primaria e secondaria di primo grado, a carattere, scientifico. 

https://huzzaz.com/collection/scienze

In alto a destra della pagina c'è il simbolo della lente d'ingrandimento, inserite una parola chiave e buona fortuna ( se avete video ben fatti e adatti a questa fascia di età segnalatemeli:-)



20.8.16

Col de l'Iseran? Fatto


Dichiariamo ufficialmente conclusa per quest'anno la caccia ai colli. Fauniera, Moncenisio, Alpe d'Huez e Col de l'Iseran. 
Ora punterei su morbidissime colline e spaziose pianure...

14.8.16

Alpe d'Huez 2016


La sfida dell'anno. Ho seguito il consorte in auto mentre pedalava affrontando il Col del Lautaret e poi si faceva 30 km verso l'Alpe d' Huez, salita mitica.
Mi son detta: "massì, ci provo, se poi è dura torno indietro".
Al terzo tornante ho pensato di morire. Ma al 21esimo ero molto soddisfatta di me:-)

ALTRE FOTOGRAFIE

Le Marche 2016


Vacanze tra le colline marchigiane, con finale lucchese;-)
Base a Urbino, pedalate alle gole del Furlo, sulle colline sopra Rimini, Riccione, Pesaro, Fano. Visita a Gradara e a San Marino.
Un ricordo speciale dedicato al piccolo paese di Mombaroccio, poco più di 2000 abitanti, ma con un museo della vita contadina ricchissimo e frutto della dedizione dei volontari, e una raccolta di vecchie fotografie incorniciate alle quali i vecchi del paese hanno saputo pazientemente abbinare descrizioni commoventi, con tutti i nomi dei protagonisti della vita attraverso i secoli in questa piccolissima parte di mondo.

ALTRE FOTOGRAFIE

22.7.16

Appello di Save the Children

http://blog.savethechildren.it/vite-parallele-quei-bambini-rifugiati-che-hanno-perso-tutto-anche-la-scuola/ 

Salviamo i bambini, non i Pokemon...



http://video.sky.it/news/mondo/salvate_noi_anzich_i_pokemon_lappello_dei_bimbi_siriani/v293996.vid

Ho sentito dire che è divertente, ho sentito dire che è anche educativo, che può essere didatticamente valido. Vada, ma davvero ci hanno resi così?? 
Siamo capaci a scendere per le strade con il naso incollato a un monitor per seguire pupazzetti e abbiamo perso ogni capacità di vera indignazione e di protesta forte nelle piazze per i veri valori che ci stanno sgretolando tra le mani?
Non ci sto, non giocherò e non farò giocare.

Il Sunshine Gospel Choir al Gru Village


Per tutti quelli che ieri sera non c'erano.

IL VIDEO

#SGC2016

14.7.16

Scienze in gioco sempre più ricco


Nuove pagine sul portale di scienze in gioco: ho aggiunto la sezione dedicata ai video, ai podcast scientifici e alle tante risorse da me cercate e selezionate su Pinterest
http://scienzeingioco.blogspot.it/ 

Vibrazioni di Pace


Ogni anno in Thailandia succede qualcosa di straordinario con un evento che richiama 1 milione di bambini riuniti in meditazione per la pace nel mondo e per salvare il Pianeta.
L’iniziativa prevede la partecipazione di 5000 scuole che si ritrovano presso il tempio buddhista di Phra Shammakaya grazie al progetto V-Star Change the World. Qui i pensieri di pace dei bambini creano vibrazioni positive e contribuiscono a portare luce nel mondo.
Che le vibrazioni arrivino ovunque...